CentroToday

Libri e souvenir, il I Municipio rifiuta altre bancarelle: "Il territorio è pieno"

Oggetto del contendere una delibera del 2011 (n.8), che ha previsto la possibilità di autorizzare ulteriori posteggi in deroga al regolamento vigente del 2006

Di bancarelle nel centro storico ce ne sono già abbastanza. Giunta e consiglio del I Municipio rifiutano nuove postazioni commerciali per ambulanti esprimendo parere negativo alla richiesta del Campidoglio. Oggetto del contendere una delibera del 2011 (n.8), che ha previsto la possibilità di autorizzare ulteriori posteggi in deroga al regolamento vigente del 2006. 

Parliamo di postazioni di librai, vecchie bancarelle che vendono cultura e, per sopravvivenza, souvenir e prodotti editoriali vari. Nel territorio del centro storico ne abbiamo già 16 dal '97, da quando Rutelli mise in piedi "L'arcipelago delle parole", circuito temporaneo di librai 'da strada' prorogato negli anni, tutt'ora presente e mai regolarizzato. A questi l'ex governo Alemanno ha valutato la possibilità di aggiungere ulteriori postazioni, possibilità che in via della Greca non piace. 

"Il territorio del Municipio Roma 1 risulta già saturo di postazioni di commercio su area pubblica, con gravi ripercussioni sul decoro, sulla viabilità e sulla sicurezza pedonale" ha dichiarato in nota il capogruppo del pd municipale, Tommaso Giuntella. 

"Il suolo pubblico è un bene indisponibile che deve essere gestito tenendo conto primariamente degli interessi pubblici e che le motivazioni che hanno sostenuto il parere negativo della Giunta Municipale sulle 8 postazioni sono assolutamente condivise dal Consiglio". 

Su 12 delle postazioni proposte infatti, il Municipio ha dato il nulla osta solo su 4: Via delle Muratte, P.zza della Repubblica, L. Cairoli, Via del Gambero, scartando le altre "sia per contrasto al Codice della Strada che per sovraffollamento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attenzione e controllo non solo al 'dove' ma anche al 'cosa'. "L'impegno del municipio deve essere anche volto a tutelare la qualità delle merci proposte dalle bancarelle, perché anche laddove sono consentite non si trasformino in mercati di ogni genere di prodotto ma preservino il ruolo assegnato loro dalle istituzioni". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Coronavirus, a Roma 38 nuovi casi. Nel Lazio 2505 i contagiati totali, oggi la metà dei morti rispetto a ieri

  • Coronavirus: 2362 positivi nel Lazio, 73 oggi a Roma. D'Amato: "Trend regionale in calo"

  • Coronavirus, 1901 casi positivi nel Lazio. A Roma trend dei contagiati in calo

Torna su
RomaToday è in caricamento