CentroToday

Befana in piazza Navona: "Festa di qualità? Il Comune modifichi la delibera"

La richiesta del municipio di eliminare dal provvedimento il termine "fiera", così da poter rivedere i criteri di accesso all'evento natalizio. L'assessore: "Altrimenti vince l'anzianità"

Festa della Befana piazza Navona 2015

Votata in giunta questa mattina la delibera per rivoluzionare il futuro della Befana di piazza Navona. Il I municipio continua la sua battaglia per portare banchi e merce di qualità all'evento più importante del Natale romano, ormai da anni, tra cianfrusaglie, porchetta e gadget giallorossi, ben poco natalizio. L'anno scorso il tentativo di rimettere a bando le postazioni, riducendole di numero e inserendo una serie di criteri per premiare la vendita di prodotti tradizionali legati alle feste. Ma il finale non ha soddisfatto le aspettative: in graduatoria hanno trionfato ancora una volta i veterani della piazza, molti legati alla storica famiglia di ambulanti, i Tredicine, favoriti dal criterio dell'anzianità. 

La delibera votata oggi va esattamente in questo senso: eliminare dal provvedimento comunale del 2006, che definisce la manifestazione, la parola "fiera". A questa infatti sono legate una serie di criteri imprescindibili per l'accesso, la più importante è appunto quella dell'anzianità. "Abbiamo chiesto di riclassificare la festa - ha spiegato l'assessore al Commercio del I municipio, Tatiana Campioni - altrimenti non riusciremo mai a far vincere la qualità dei prodotti". La modifica della delibera spetta all'Assemblea capitolina. E comunque non se ne parla prima del 2017, perché anche quest'anno, come accaduto per la scorsa edizione, la festa della Befana salterà, o almeno non avrà nessun banco commerciale come vuole la tradizione. 

"Non ci sono i tempi tecnici per la pubblicazione della gara (90 giorni, ndr), e ancora come municipio dobbiamo recepire la sentenza del Tar". La decisioni del Tribunale del 5 settembre (respingendo il ricorso di Alfiero Tredicine) ha infatti confermato l'annullamento del bando dell'anno scorso, già bloccato in autotela dal I municipio in seguito al parere negativo espresso da Anac. Anche in quel caso si erano sforati i tempi, 3 mesi esatti prima dell'inizio della festa. Cosa aspettarsi dunque per questa edizione?

Il modello sarà quello dell'anno scorso, con attività di carattere culturale e sociale, alcune in particolare indirizzate ai bambini, e i 12 spettacoli viaggianti, gli unici ad aggiudicarsi il bando 2014-2016. Anche qui però è il Campidoglio a dover intervenire. "E' il gabinetto del sindaco a occuparsi dell'organizzazione - conclude Campioni - certamente scriveremo al sindaco per sollecitare. Non molliamo, come municipio teniamo moltissimo a questa festa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento