Campo dè Fiori: ragazzo di 23 anni aggredito perchè gay

Denunciata dal giovane al commissariato Trevi l'aggressione avvenuta sotto la statua di Giordano Bruno all'alba di venerdì. Colpito al volto il giovane è stato giudicato guaribile in pochi giorni. Zingaretti: "Aggressione omofoba che colpisce tutta la comunità"

Redazione 9 giugno 2012

Colpevole di essere gay. Queste le 'motivazioni' che sono costate ad un ragazzo salernitano di 23 anni un'aggressione in piazza Campo dè Fiori. A denunciare l'accaduto lo stesso ragazzo che ha riferito agli agenti del Commissariato Trevi di essere stato aggredito all'alba di venerdì nella zona della Movida Romana perché omosessuale. A quanto si è appreso dalla polizia, il giovane è stato giudicato guaribile in pochi giorni per contusioni al volto. "L'aggressione omofoba denunciata oggi colpisce tutta la nostra Comunità - le parole di solidarietà del presidente della Provincia Nicola Zingaretti -. Alla giovane vittima voglio esprimere la piena solidarietà personale e dell'Amministrazione provinciale. Non possiamo accettare - aggiunge - questa deriva di violenza senza agire. Un grave episodio di omofobia che le Istituzioni devono condannare con fermezza. La speranza è che al più presto gli autori di questa aggressione vergognosa siano individuati".

CONDANNA DA ROMA CAPITALE - Condanna al gesto anche da parte del vice sindaco di Roma Sveva Belviso: "Esprimo a nome di Roma Capitale - ha affermato in una nota - la ferma condanna per l'episodio di violenza omofoba di cui è stato vittima, alcune sere fa, un ragazzo salernitano e desidero rivolgere a lui e alla sua famiglia, la completa vicinanza e solidarietà dell'amministrazione. Spero che le forze dell'ordine, attraverso le preziose testimonianze di chi ha assistito alle violenze, possano risalire con rapidità - ha concluso - agli aggressori per i quali auspico pene severe".

Annuncio promozionale

Centro Storico
aggressioni
gay

Commenti