CentroToday

Inquinamento, arrivano gli "aspira smog". Sarà la vera soluzione?

La prima sperimentazione delle macchine è stata compiuta in via Petroselli e continuerà per 6 mesi. L'aria inquinata entra da un bocchettone ed esce fuori pulita, le macchine per ora sono a costo zero

Dopo i numerosi blocchi della circolazione e l'adozione delle targhe alterne, arriva un'altro espeditente per ridurre lo smog dell'aria romana: gli "aspira smog". E già ci si chiede se sarà questa la vera soluzione per migliorare la qualità dell'ambiente. La prima sperimentazione in città della tecnologia Apa (Air Pollution Abatement) è partita nel I Municipio di Roma con l'installazione di tre macchinari in via Petroselli, a due passi da Piazza Venezia. A presentarli la società realizzatrice, la IsTech. Il funzionamento degli aspira-smog sembra molto semplice: "L'aria entra in un bocchettone, viene filtrata e ne esce fuori pulita, come prima dell'emissione di polveri sottili - spiegano dalla società -. Si tratta della prima sperimentazione in Italia a livello urbano. Sono tre macchine intelligenti che, oltre a pulire l'aria, ne calcolano la qualità sia all'ingresso che all'uscita".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A lanciare ufficialmente la sperimentazione, che continuerà per i prossimi sei mesi, l'ad di IsTech Giuseppe Spanto, insieme al direttore scientifico Paolo Tripodi che spiega: "Per ora il raggio d'azione delle macchine è di circa 200 metri. Per avere un effetto reale nella città di Roma ne servirebbero migliaia, che si potrebbero realizzare in maniera nascosta, nel sottosuolo, o con interventi di design urbano". A quanto pare, le nuove macchine sembrano molto convenienti anche perché non costano niente. Il costo "per ora è nullo - rispondono dalla società -, noi non vendiamo macchine ma servizi. Il contributo del Municipio è la fornitura acqua e di energia elettrica per far funzionare i macchinari (ne basta quella necessaria per due televisori). L'effetto è che si riesce ad abbattere fino al 99% l'emissione di polveri sottili Pm10". (Fonte Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, morto a Roma 33enne: è la vittima più giovane nel Lazio

  • Coronavirus, nel Lazio 1728 casi: 17 decessi nelle ultime 24 ore. Tre cluster preoccupano la Regione

  • Coronavirus Roma: scuole, eventi, orari di bar e ristoranti. Tutto quello che c'è da sapere

  • Coronavirus, 2096 casi nel Lazio: 46 nuovi positivi a Roma. Tre cluster fanno impennare il numero dei contagiati

  • Morto a 35 anni di Coronavirus, paura tra i colleghi di Emanuele: il call center chiude, la Regione spiega

  • Coronavirus, a Tor Vergata muore un 35enne: non aveva patologie pregresse

Torna su
RomaToday è in caricamento