CentroToday

Piazza Barberini, torna a splendere la Fontana del Tritone

E' stata riconsegnata alla città di Roma, a un anno dall'inizio dei lavori, l'opera realizzata dal Bernini tra il 1642 e il 1643. Presenti all'inaugurazione anche l'assessore alla Cultura Flavia Barca e il sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce

Una nuova vita per il capolavoro del Bernini. La Fontana del Tritone torna infatti a illuminare piazza Barberini, ad un anno esatto dall'inizio dei lavori che hanno permesso di rinnovare completamente l'impianto di illuminazione e di revisionare l'impianto di ricircolo e di trattamento delle acque. Presenti all'inaugurazione tenutasi nella serata di ieri anche l'assessore alla Cultura, Flavia Barca, e il sovrintendente capitolino, Claudio Parisi Presicce.

"Questa" commenta l'assessore, "è una importante restituzione alla città. E' il tipico esempio di cura del bene comune: dove l'amministrazione pubblica si fa portatore del processo di cura del bene pubblico, i cittadini si sentono responsabilizzati e sanno che quel bene appartiene a tutti".

I LAVORI - Il restauro ha permesso di rimuovere gli strati calcarei delle pagine biologiche che ricoprivano il monumento tramite una pulitura di tipo meccanico e chimico. Inoltre, nel corso della cerimonia, accompagnata dalle note della Banda Musicale del Corpo di Polizia Locale, è stato riacceso il nuovo impianto di illuminazione artistica, che vede l'introduzione della tecnologia led, e riaperto il flusso idrico che riproduce il famoso zampillo, ridotto in seguito per motivi di sicurezza, per il cui sibilo la fontana era stata definita 'Tritone sonante'.

Costato più di 240mila euro e finanziato con le pubblicità esposte sulla recinzione del cantiere, l'intervento di restauro è stato realizzato dall'ATI Building Communication, che si è aggiudicata uno dei due bandi promossi dalla Sovrintendenza per il restauro delle fontane monumentali di Roma. L'azienda si è poi avvalsa della societa' ARA, specializzata nel restauro delle superfici lapidee.

LA STORIA - Quella del Tritone è la prima fontana urbana progettata e realizzata da Gianlorenzo Bernini tra le fine del 1642 e la prima metà del 1643. A commissionare l'opera fu Papa Urbano VIII Barberini che la volle collocare, come pubblico ornamento della citta, nello spiazzale adiacente all'imponente palazzo di famiglia, di cui si stava per concludere la costruzione. Costruita interamente in travertino, rappresenta un Tritone, figura mitologica legata all'acqua, inginocchiato su una grande conchiglia aperta, sorretta da quattro delfini tra le cui code l'architetto posizionò due stemmi della famiglia Barberini.

La fontana, che si trovava in un pessimo stato di conservazione dovuto alle condizioni ambientali e al continuo scorrimento dell'acqua sul Tritone e sulla conchiglia, fu restaurata nel 1932 e nel 1990. In particolare, quello concluso ieri è stato definito dal sovrintendente Parisi Presicce "estremamente complesso".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Regionali, minacciato Pirozzi: "Ti facciamo fare la fine di Amatrice"

  • Ostia

    Ostia Antica, spento il tritovagliatore di viale dei Romagnoli "per cessate criticità"

  • Incidenti stradali

    Incidente via Trionfale: travolto da un'auto mentre attraversa la strada, morto 14enne

  • Politica

    Rifiuti, Raggi lancia la sfida ai ragazzi di Amici: "Ci aiutate ad insegnare come differenziare?"

I più letti della settimana

  • Sonny Olumati, il romano che ha "osato" fare una domanda alla Raggi, riempito di insulti dai grillini

  • Blocco traffico, domenica 21 gennaio niente auto nella fascia verde

  • Blocco traffico: a Roma domenica 21 gennaio niente auto nella fascia verde. Stop anche agli Euro 6

  • Arrestato il capo dei capi della mafia cinese in Italia: viveva a viale Marconi

  • Fregene e Fiumicino, i 5 migliori ristoranti di pesce vista mare alla portata di tutti

  • Incidente Roma-Fiumicino: bisarca in bilico dopo scontro con furgone, traffico in tilt

Torna su
RomaToday è in caricamento