CentroToday

Mc Donald's alle Terme di Caracalla, cantiere fermo: ecco a che punto sono i lavori

La Polizia Locale è entrata nel cantiere allestito dentro al vivaio EuroGarden. Già a buon punto la realizzazione dei manufatti che dovevano ospitare parcheggio e ristorante Mc Drive

Lavori avviati all'interno del Vivaio. Foto Agenzia DIRE

Non ci sono più operai in azione all'interno del vivaio EuroGarden. Il provvedimento del MIBAC ha interrotto i lavori che, grazie alle autorizzazioni ottenute, stava portando alla realizzazione di un ristorante Mc Donald's a due passi dalle Terme di Caracalla.

Nella mattinata di giovedì 1 agosto, si è presentata sul posto la Polizia di Roma Capitale, che ha potuto verificare la conformità del progetto con i lavori già effettuati. Mentre il Comune ed il Municipio si scambiavano reciproche accuse infatti, gli operai non stavano perdendo tempo in via Baccelli. Ed i manufatti già presenti, in quello che per anni è stato solo un polmone verde del Centro storico, sono lì a dimostrarlo.

I lavori effettuati

All'interno del cantiere sono visibili le strutture deputate ad ospitare la nuova attività commerciale, prevista su un a superificie di circa 10mila metri quadrati. Di questi ben 500 sono quelli dedicati ad un ristorante in grado di mettere a disposizione dei clienti  250 posti a sedere. Inoltre, trattandosi di un McDrive, il progetto prevedeva anche la realizzazione di un grande parcheggio da 180 posti auto. Il cantiere, le cui informazioni erano contenute in un cartello inserito all'interno della proprietà, stava procedendo di buona lena. Poi è arrivata la sospensione in autotutela.

Il provvedimento che ha rimesso in discussione l'intervento avviato a Caracalla, è stato firmato dalla direzione generale Archeologia, Belle arti e Paesaggio del Mibac. Una mossa, salutata con soddisfazione dalla Sindaca, che era stata in parte anticipata da una dichiarazione del suo assessore all'Urbanistica. Luca Montuori infatti, rispondendo alle accuse che erano state mosse dalla presidente del Municipio I, nella serata del 30 luglio aveva dichiarato che "siamo pronti ad intervire e già lo stiamo facendo". Qualche ora più tardi è stato annunciato il provvedimento del Ministero.

I vincoli ed il Piano territoriale paesistico 

Grazie alla mancata apposizione di un vincolo territoriale paesistico da parte degli uffici capitolini, le autorizzazioni era state correttamente rilasciate. Da qui l'avvio dei cantieri nel vivaio di via Baccelli. Un'iniziativa che i cittadini non avevano modo di conoscere, perchè fuori dai cancelli era esposto solo un lacunoso avviso. La questione è comunque stata risolta dall'intervento del MIBAC che, a differenza del Campidoglio, ha ritenuto invece vincolante il Piano territoriale paesistico rilasciato, nel 2010, dalla Regione Lazio. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Getta rifiuti, ma il sacco è nero e non trasparente: multato per aver violato l'ordinanza Raggi

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Alessio Terlizzi morto in un incidente a Castel Fusano, al vaglio la dinamica del sinistro

  • Via Battistini, auto della polizia finisce ribaltata dopo scontro con Smart: 4 feriti

  • Detenuto evaso a Roma, Vincenzo Sigigliano preso dopo 6 giorni di latitanza: era da una parente

Torna su
RomaToday è in caricamento