CentroToday

Campo Testaccio, rinascerà ma non prima di 3 anni. Municipio: "Intanto diventi un'area giochi"

Il punto sul destino dello spazio di via Nicola Zabaglia

Campo Testaccio rinascerà, tra non meno di tre anni. Resterà un campo da calcio e ci sono già undici soggetti interessati che si sono candidati per la sua futura gestione. Queste le novità emerse dall'incontro che si è tenuto questo pomeriggio tra l'assessore comunale allo sport, Daniele Frongia, quello allo Sport e alle Politiche sociali del I Municipio, Emiliano Monteverde, le associazioni del territorio e i cittadini. 

Il Comune, dunque, ha confermato che in futuro campo Testaccio non si trasformerà in un parcheggio o in un supermercato ma che resterà un campo da calcio. I tempi, però, saranno lunghi: il percorso, ancora da definire in alcuni passaggi, non sarà meno breve di due anni e mezzo-tre, andando, dunque, oltre l'attuale consiliatura. 

"Abbiamo ricevuto in due anni undici interessamenti per la gestione del campo, sia formali che informali, da enti privati" ha spiegato Frongia durante la riunione. "Si tratta di un percorso molto lungo e complesso, si articola in nove passi, illustrati oggi ai comitati dei cittadini. Siamo a metà dell'opera: già adesso l'area è stata sottratta al degrado. Ci concentriamo ora sul completamento della bonifica con la messa in sicurezza della fogna, con l'interramento e la sistemazione della terra per il ripristino parziale del livello". Interventi che saranno messi in campo a fine settembre.

Il I Municipio, invece, ha chiesto al Comune di avviare un percorso partecipativo per fare in modo che da oggi al momento in cui inizieranno i lavori veri e propri l'area possa essere utilizzata dai cittadini, magari trasformandola in un'area giochi e per eventi. "Il Municipio e i cittadini apprendono con soddisfazione lo sviluppo del percorso - ha commentato Monteverde - abbiamo ribadito, però, con forza la necessità di deliberare una modalità di utilizzo intermedio aperto ai cittadini in modo da far fruire lo spazio ai residenti. Pensiamo a un piccolo parco locale, o un'area giochi. 

Alcune associazioni del territorio hanno ribadito la volontà di poter gestire questa fase, richiedendo al Comune un contributo da individuare tra i fondi del dipartimento Ambiente: 50.000 euro l'anno più l'una tantum iniziale per installare attrezzature come altalene e scivoli per i bambini. Su questo Frongia si è riservato un secondo incontro con noi".

(Fonte Agenzia Dire)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

Torna su
RomaToday è in caricamento