CentroToday

Testaccio: chiusa la pista ciclabile di Via Zabaglia

I lavori del nuovo mercato di via Nicola Zabaglia, hanno portato alla chiusura della pista ciclabile. BiciRoma si oppone: "Lo sviluppo della ciclabilità è anche un'arma contro l'inquinamento"

La pista ciclabile del Rione Testaccio in Via Nicola Zabaglia, è stata chiusa. La notizia, che è stata diramata da un “avviso pubblico” firmato dal I Municipio “Centro Storico”, ha suscitato le forti reazioni dell' Associazione Due Ruote D’Italia Onlus – BiciRoma - . Le motivazioni di questa chiusura si possono leggere chiaramente sul volantino che parla di problemi legati alla viabilità determinati dai lavori per il nuovo mercato che hanno causato il congestionamento della via in questione. Il Municipio quindi, “di concerto con i vigili urbani e accogliendo le richieste dei cittadini, ha deciso di sospendere la pista ciclabile. Terminati i lavori del mercato di Testaccio, il Municipio avvierà un'iniziativa di 'dialogo partecipato' per definire con i cittadini il nuovo posizionamento della pista ciclabile anche in base ai flussi di traffico che determineranno.”

La protesta dei rappresentanti dell'Associazione BiciRoma, nella figura del Presidente Fausto Bonifaccia, basa le proprie lamente su molti aspetti della questione: in base a quanto da loro dichiarato, la realizzazione della pista della ciclabile risulta che sia stata effettuata con i contributi della Comunità Europea “Agenda 21” e questa decisione di chiusura rappresenta un grave danno ai cittadini e soprattutto agli utenti delle ciclabili. Secondo l' Associazione, la soppressione di tale infrastruttura potrebbe essere causa di incidenti e, già da ora, si riservano la facoltà di ritenere le Amministrazioni competenti responsabili. In base infatti, alla legge n. 366 del 1998 e la legge regionale 13 del 1990 si prevede espressamente che “in caso di realizzazioni di nuove strade o di lavori straordinari di manutenzione delle stesse gli enti dovrebbero prevedere lo sviluppo di una pista ciclabile affiancata”.

BiciRoma intende poi sottolineare quanto sia fondamentale lo sviluppo della ciclabilità tra le strategie per la lotta all’inquinamento urbano in linea con le principali Amministrazioni locali, ideale appoggiato anche dalla decisione del Parlamento Europeo (1600/2002/EC) che afferma la necessità di incrementare, tra le altre, la modalità di spostamento con bicicletta. L'Associazione e i suoi aderenti, basandosi, tra gli altri, su questi fatti, sta proponendo anche una raccolta firme e intende portare una serie di inviti, richieste e diffide alle autorità e nello specifico al Presidente del Municipio Orlando Corsetti, all' Assessore dei Lavori Pubblici Yuri Trombetti, al  Sindaco Gianni Alemanno e all'  Assessore Fabio De Lillo.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Roma usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio al Nuovo Salario: 43enne ucciso in strada a colpi di pistola

  • Thomas Adami e Matteo Calabria, i due giovani calciatori morti su via Tiburtina: Tivoli e Guidonia sotto shock

  • Smog: blocco del traffico a Roma, stop tre giorni ai veicoli più inquinanti nella Fascia Verde

  • Tragedia sfiorata sul raccordo: ubriaco contromano provoca incidente, 5 feriti

  • Incidente sul Raccordo Anulare: si scontrano moto e camion, morto 64enne

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 25 e domenica 26 gennaio

Torna su
RomaToday è in caricamento