CentroToday

Ambasciatori americani a lavoro per ripulire Trastevere

L'iniziativa è stata ideata da un'associazione di americani che vivono a Roma e ha coinvolto anche i dipolomatici statunitensi. Saranno loro, insieme all'Ama, ad occuparsi della pulizia di piazza Trilussa da murales e rifiuti.

Tempo fa fece scalpore la dichiarazione del premier Berlusconi che la definì "sporca come l'Africa". Ma la poca pulizia della città eterna, bellissima quanto imbrattata, non è passata inosservata nemmeno ad alcuni ambasciatori americani. I diplomatici, stabili a Roma per lavoro, sono stati colpiti spiacevolmente dai graffiti che imbrattano piazza Trilussa tanto da decidere di ripulirla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Domani David Thorne, Ertharin Cousin e Josè Miguel Garcia, rappresentanti del governo Usa rispettivamente presso lo Stato italiano, la Santa Sede e le organizzazioni delle Nazioni Unite a Roma saranno impegnati a ripulire le strade del quartiere dai rifiuti e dalle scritte lasciate dai giovani nelle loro notti brave.

L'Idea della giornata di volontariato a favore della città è stata partorita da una associazione di statunitensi che vivono a Roma, i quali hanno coinvolto anche gli studenti degli istituti americani della Capitale. Un appuntamento importante anche perché è inserito nell' ambito dell' Earth Day, l'evento internazionale celebrato in 174 paesi del mondo per promuovere la conservazione dell'ambiente e la sostenibilità delle politiche di sviluppo.

La ripulitura sarà svolta in collaborazione con l'Ama e l' ufficio decoro urbano del Campidoglio. Certo è insolito sentire che saranno degli americani a pulire la città e, infatti, non sono mancate le polemiche degli avversari politici di Alemanno che hanno letto nell'iniziativa "uno smacco" per l'amministrazione comunale.

"Per la Roma di Alemanno è l'ennesimo smacco. Addirittura ora anche gli ambasciatori americani presso l'Onu, la Santa Sede e il Governo si accorgono di quanto sia sporca Roma e la vanno a pulire - ha dichiarato il consigliere del Pd al Comune di Roma, Massimiliano Valeriani - Un pessimo biglietto da visita che sarà spedito in tutto il mondo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Coronavirus, a Roma 12 nuovi casi: sono 38 in totale nel Lazio. I dati Asl del 10 agosto

  • In fila alle Poste mostra i genitali all'impiegata: "Ora ti faccio vedere io il documento"

  • Il padre provava a venderlo in spiaggia, la mamma lo porta via dall'ospedale senza autorizzazione

  • Incendio a Roma sud, fiamme raggiungono il parco degli Acquedotti: interrotta la linea ferroviaria

  • Coronavirus: a Roma 31 nuovi casi, altri sette nel resto della regione Lazio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento